I miei spaghetti alle vongole

May 28, 2018

 

I miei ricordi d'infanzia, parlando di spaghetti con le vongole, mi riportano a quando questo tradizionale primo piatto veniva servito al sugo, assieme alle seppie con i piselli e al fritto di calamari e gamberi, erano le proposte più frequenti sulle tavole di ristoranti e trattorie del'Italia centrale. Oggi i tempi sono cambiati, nel nostro paese il consumo del pesce è aumentato a dismisura, anzi forse è anche esagerato. Mangiamo più pesce di quanto se ne peschi nei nostri mari, tanto che importiamo il prodotto ittico un po da tutto il mondo. Ma torniamo alle vongole, una volte il mollusco più utilizzato era il lupino, piccolo e saporito, ma perdeva tutte le sue gradevoli caratteristiche affogato in sughi di pomodoro spesso troppo cotti.


Sui banchi delle pescherie oggi troviamo sia i lupini sia le veraci, queste ultime molto più grandi e carnose, forse meno saporite ma preferite dai consumatori per la loro dimensione e la loro resa in tegame. Il consumo delle veraci si è diffuso attorno agli anni ottanta e così è tramontata l'abitudine di servire gli spaghetti al sugo. E' d'obbligo precisare che comunque esistono anche le veraci selvatiche, rare da trovare nei mercati, ma sicuramente saporite e gustose almeno quanto i lupini. Le due varietà si presentano diverse, i lupini sono di colore grigiastro e hanno un guscio meno rugoso, quasi liscio; le veraci hanno un colore argenteo-dorato e il guscio rugoso presenta scanalature concentriche.

 


Come scegliere i molluschi in pescheria? E' semplice, i frutti di mare vengono venduti in sacchetti con un talloncino che riporta il marchio CEE e la provenienza, data di raccolta e data di confezionamento, accertarsi di questi dati. Giunti a casa, se non si consumano entro le prime ore successive, lasciarle in frigo avvolte in uno strofinaccio ben stretto in modo da serrare bene tra loro i gusci. Al momento di consumare i molluschi bisogna spurgarli della sabbia, la vongola vive in fondali sabbiosi immersa nel fondo, quindi è necessario immergerle in un recipiente ricolmo di acqua salata, lasciarle riposare per un paio di ore e se è il caso sostituire l'acqua di tanto in tanto.

 

 

Ingredienti (per quattro).
800 gr. di vongole
360 gr. di spaghetti
20 ml. di vino
due spicchi di aglio
una punta di peperoncino

foglie di basilico

foglie di prezzemolo
Olio extra vergine di oliva
una scorza di limone


Veniamo all'esecuzione della ricetta.
In un saltapasta versate una decina di cucchiai di olio extra vergine di oliva, due spcchi di aglio e la punta di un peperoncino,
fate soffriggere e dopo un paio di minuti togliete l'aglio e il peperoncino; versate le vongole e coprite il tegame con un coperchio. Lasciate andare a fuoco moderato per tre o quattro minuti e quando le vongole si saranno aperte versate mezzo bicchiere di vino bianco e alzate il fuoco, dopo un un minuto e mezzo togliete dal fuoco il tegame. Nel frattempo avrete fatto cuocere gli spaghetti in acqua salata, un minuto prima di scolare la pasta, mi raccomando molto al dente, rimettete il tegame sul fuoco aggiungendo un cucchiaio di acqua di cottura della pasta, altrimenti i frutti di mare si seccheranno. Quando scolate la pasta lasciatela molto umida, e conservate un po di acqua di cottura, versate gli spaghetti nel tegame e saltate fino a cottura ultimata, aggiungendo se è il caso qualche cucchiaio di acqua. Spegnete il fuoco e cospargete gli spaghetti con prezzemolo e basilico sminuzzati a mano e una leggera grattata di buccia di limone.
Io preferisco utilizzare spaghettoni o vermicelli artigianali, non amo troppo le paste industriali.
Qualcuno si meraviglierà dell'utilizzo del basilico, ma è un tocco pregevole che dona al piatto profumo e fragranza che esaltano le caratteristiche del pesce, questo è un segreto di un vecchio maestro di cucina di Ostia, che spiegava "sul pesce non mettono il basilico perché costa, il prezzemolo è gratis, gli osti risparmiano pochi centesimi ma mortificano il piatto".

 

 

Amo questo piatto, come già detto per me è un viaggio nella memoria, questa è la mia ricetta ma anche alcuni ristoranti, sparsi un po in tutta Italia, lo propongono al meglio: Il San Lorenzo di Roma è quello che esegue la ricetta in modo molto simile al mio, sarà per la frequentazione di Ponza in comune con Enrico, sarà per una formazione di cucina molto allineata alla maniera mediterranea ma questo ristorante risponde a pieno ai miei gusti, non fosse altro per la capacità di selezionare la materia prima e di lavorarla il meno possibile.
Alti locali capaci di proporre un eccellente spaghetto alle vongole sono: Pascucci al Porticciolo di Fiumicino, Da Fausto a Sperlonga, Le Tamerici a Roma, Il Buco a Sorrento, Le Lampare al Fortino di Trani.

Please reload

Post in evidenza

Spaghetti quadrati alici e bottarga

February 24, 2020

1/10
Please reload

Post recenti

February 23, 2020

February 18, 2020

February 17, 2020

Please reload

Archivio