Pasticceria Pansa

May 3, 2016

 

Quel tratto di costa italiana, che si estende da Sorrento fino ad Amalfi, è una delle sezioni più affascinanti del nostro paese, sia per la bellezza dei luoghi sia per il patrimonio enogastronomico che offre. Il primo tratto di questa costa, quello che va da Sorrento fino a Positano, storicamente viene chiamato La Terra delle Sirene, che Norman Douglas attribuì a questa terra nell’ottocento, riferendosi alle creature mitologiche descritte da Omero, che gli studiosi hanno locato nel suggestivo arcipelago de “Li Galli”, che sorge a poche miglia da Positano. Oggi io vorrei estendere questa denominazione a tutta la costa Amalfitana, lungo il percorso che affianca il mare si possono trovare Sirene che incantano, non le figure mitologiche di Omero, ma uomini e donne che hanno saputo creare meraviglie imparagonabili, trasformando i prodotti di questa terra fertilissima, in incantevoli prelibatezze che incantano il viandante non con la musica ma con il gusto e i sapori unici. Tra questi artigiani del gusto sicuramente trova un posto in prima fila la famiglia Pansa. Nel 1830 Andrea Pansa fonda la sua pasticceria, che da quasi due secoli continua una tradizione unica, che ha saputo interpretare al meglio i prodotti della terra osservando, da sempre, quei principi di qualità e genuinità, che fanno della pasticceria Pansa un bene culturale e patrimonio del gusto italiano, portando anche in tutto il mondo il vessillo dell’arte gastronomica del nostro paese.

 

La Pasticceria Pansa si inserisce alla perfezione nel gioco di equilibri architettonici della piazza Duomo di Amalfi, subito accanto alla celebre basilica dedicata a Sant'Andrea apostolo, con la sua facciata marmorea risalente ai primi anni del novecento, gli stigli e le vetrine interne recentemente restaurate e restituite allo splendore della prima generazione della famiglia Pansa, gli specchi dorati incastonati alla perfezione nelle arcate laterali risalenti al primo dopoguerra, la cassa bronzea restaurata nel 2000 dalle mani talentuose di un artigiano della vicina Atrani e oggi custodita gelosamente in una nicchia della sala da tè. Oggi la tradizione viene continuata da Nicola e Andrea, discendenti diretti del fondatore, che hanno saputo conservare gelosamente e golosamente, un patrimonio unico, facendolo crescere fino a raggiungere la fama mondiale. I due fratelli, con umiltà e abnegazione, si adoperano, giorno dopo giorno, per offrire i sapori tipici dell’arte dolciaria campana e amalfitana. La Pasticceria Pansa negli anni ha ospitato personaggi famosi come Ibsen, Wagner, Longfellow e Quasimodo; che se tornassero oggi a visitare il locale non troverebbero modifiche sostanziali, grazie alla saggezza di generazioni che hanno saputo conservare un bene architettonico come hanno saputo conservare l’arte pasticcera di coloro che li hanno preceduti: un merito che ha portato il locale ad essere inserito nella ristretta cerchia dei locali storici italiani. La maestria pasticcera dei Pansa offre raffinatezze come: la Caprese, il Pasticciotto, la Pastiera,  la Santa Rosa e la Delizia al Limone. Vere opere d’arte del gusto e del sapore.

 

Questi sono solo alcuni dei prodotti Pansa, che assieme a tutti gli altri possono vantare un merito indiscutibile: quello di essere realizzati con una materia prima di altissima qualità, quasi tutta proveniente dalla tenuta di famiglia, che sin dal milleottocento affianca il lavoro di pasticceria: Villa Paradiso, un’incantevole luogo in cui è custodito il segreto più importante del successo dei Pansa, il cuore pulsante dell’azienda, il polmone verde dal quale attingere quotidianamente l'ossigeno per respirare e trasmettere ai prodotti aria di qualità, senso di appartenenza, rispetto del territorio e culto del lavoro. Ma la maniacale ricerca della qualità va ben oltre, si estende in una ossessione nell’individuare prodotti igp, dop e di alta qualità.

La ricerca della qualità porta i Pansa a utilizzare, quando serve, un lievito madre allevato e nutrito come un appartenente alla famiglia stessa. Tutto questo è il frutto della passione e del lavoro di generazioni di Pansa, di cui oggi Nicola ed Andrea sanno rappresentare la continuità, sapendo interpretare la saggezza dei loro avi.

 

 

 

 

Please reload

Post in evidenza

Spaghetti con ricciola in giallo

May 25, 2020

1/10
Please reload

Post recenti

May 20, 2020

May 17, 2020

Please reload

Archivio