Il nuovo Marconi

September 2, 2016

 

 

 

Lungo l’autostrada, alla fine del percorso appenninico, vi consiglio di uscire a Sasso Marconi.

I motivi di questa sosta non sono solo di interesse storico- qui ruota tutto attorno alla figura di Guglielmo Marconi- questa cittadina dei colli di Bologna ospita uno dei luoghi più interessanti nel panorama della ristorazione italiana:  il Marconi (anche lui Marconi).

Questo è un ristorante di famiglia, la sua storia sembra essere un favola; Mario e Maria Mazzucchelli, lui cuoco lei sfoglina,, girovagano assieme nelle cucine di alberghi e ristoranti italiani. Continuano anche quando nascono i loro figlioli, che crescono tra una stanza d’albergo e la cucina. Finalmente Mario apre una sua osteria di pesce, l’osteria prospera e si trasferisce a Sasso Marconi. I Figli sono cresciuti, Massimo diviene ottimo sommelier, Aurora cuoca, e prende il posto di papà Mario. Non stupitevi lei vuole essere chiamata così: cuoca. Esile e rossa di capelli, come il suo nome sembra essere uscita da una favola, meglio da uno dei racconti di Tolkien, il suo mondo non è però un bosco fantastico ma una cucina che si anima.  Aurora esprime il suo vigore, la sua fantasia, il suo amore attraverso strumenti insoliti, almeno fino a pochi anni fa, per una graziosa fanciulla. Spesso ripete: “Sei lì da sola tra i tuoi tegami e ti senti bene e questo è bello”.

 

 

Aurora e Massimo hanno rivoluzionato il ristorante dei genitori. Hanno abbandonato la quantità, continuano a cercare la qualità, ma soprattutto hanno allargato i loro orizzonti. Il pesce oggi non è solo tradizione di famiglia, ma anche un modo che permette ad Aurora di lavorare sulla leggerezza e sulle cotture brevi. E’ interessante il modo in cui Aurora e Massimo stiano cercando  sempre più di avvicinarsi al territorio, una ricerca costante di allevatori e coltivatori che valorizzino i loro prodotti attraverso un lavoro sano e coraggioso, gente capace di compiere sacrifici per portare avanti l’idea dell’identità rurale del territorio.

La stessa identità che ritroviamo nei piatti di Aurora. La cuoca cerca anche la bellezza nei suoi piatti, ma soprattutto cerca di comunicare il suo amore per la materia prima e per la sua trasformazione. Anche quando il percorso del menù si allontana dal territorio i risultati sono stupefacenti. 

Le emozioni possono continuare anche attraverso l’offerta dei vini da parte di Massimo, sommelier attento alla costante ricerca di piccoli produttori capaci di offrire grandi vini, ma che non disdegna le grandi case. Di notevole interesse la loro attenzione nei confronti dei fornitori, siano essi piccoli coltivatori o allevatori, tutti rispondono alla richiesta di alta qualità dei due fratelli Mazzucchelli. Ogni giorno il lavoro dei due prosegue con l'entusiasmo di due grandi appassionati, pronti a soddisfare la voglia di coloro che vogliono intraprendere un percorso di gusto che volge lo sguardo alla tradizione, ma che viene riproposta in forma innovativa e moderna. Oggi il locale, da poco completamente rinnovato, rappresenta al meglio questa filosofia; sale accoglienti, di sobria modernità, vicine alle nuove tendenze, che si rifanno all'antico, come la sala del convivio, dove un unico tavolo può ospitare venticinque persone, proprio all'insegna di quella convivialità che è uno dei punti di forza della gastronomia italiana.

Oggi il Marconi è sicuramente un punto di riferimento del mangiar bene italiano, dove la filosofia di Aurora è quella di condividere il proprio amore per i profumi e i sapori di prodotti di eccellenza lavorati da una mano sapiente come quella di Aurora. In sala Massimo è impeccabile padrone di casa, sa consigliare e guidare l'ospite per raggiungere il traguardo desiderato: quel percorso del gusto fatto di emozioni e sensazioni uniche. Un percorso che si sviluppa anche attraverso la selezione di etichette che la cantina di Massimo ospita e propone con attenta cura degli abbinamenti.

 

 

 

 

Please reload

Post in evidenza

Spaghetti quadrati alici e bottarga

February 24, 2020

1/10
Please reload

Post recenti

February 23, 2020

February 18, 2020

February 17, 2020

Please reload

Archivio