Sagra delle castagne di Marradi...in trenino!

September 21, 2016

 

Uno degli eventi imperdibili dell’autunno toscano è la Sagra delle castagne di Marradi, che animerà il comune dell'Appennino il 9, 16, 23 e 30 ottobre 2016. I marroni del Mugello, infatti, sono la punta di diamante dell’offerta gastronomica della zona nonché prodotto IGP. Ma non sono solamente le specialità gastronomiche e gli eventi che si terranno durante la sagra a meritare interesse. Durante quei giorni, sarà possibile raggiungere Marradi da Firenze viaggiando su un treno a vapore d’epoca che trasporterà gli ospiti attraverso la campagna toscana. Come su ogni treno a vapore che si rispetti, la velocità ridotta fornirà l’occasione per godere di un’esperienza di viaggio completamente nuova per i viaggiatori moderni. I passeggeri sperimenteranno la bellezza della contemplazione del paesaggio e assaporeranno ogni momento. 
Un’esperienza emozionante per adulti e bambini che potranno salire a bordo direttamente dalle stazioni di Firenze Rifredi e Firenze Campo di Marte. 
A Firenze l’Hotel Brunelleschi invita a  soggiornare nel cuore della città e conciliare lo spirito della scoperta delle specialità locali, in questo caso nel Mugello, con la voglia di modernità. 

 

Ogni anno la piccola cittadina di Marradi diventa teatro di uno degli eventi più attesi della stagione autunnale: la Sagra della castagna. Arrivata quest’anno alla sua 53^ edizione, la sagra riunisce per quattro domeniche di ottobre, tutte le eccellenze gastronomiche a base di castagne non solo della zona. Accanto al lato gastronomico, esibizioni di gruppi e bande musicali, spettacoli di magia per i più piccoli e tanto altro per assicurare giornate di divertimento per tutta la famiglia. 

 

Qui, dove i castagneti dominano il paesaggio e i marroni sono l'emblema della nostra tradizione culturale, rurale e gastronomica, si snoda laStrada del Marrone del Mugello di Marradi. Il castagno, con i suoi frutti, ha sfamato per secoli le genti della nostra montagna, che, in segno di riconoscenza, lo hanno soprannominato l'Albero del Pane. Fino a non molti decenni fa infatti, l'attività di ogni famiglia ruotava per quasi l'intero anno attorno alla cura meticolosa dei castagneti, in funzione della raccolta nel mese di ottobre, e l'alimentazione della nostra popolazione era pressoché costituita dalla polenta di farina di marroni, dalle ballotte, dalle bruciate e dalle frittelle. Le prime notizie della coltivazione del castagno risalgono all'Alto Medioevo e il periodo di massimo sviluppo all'epoca della Contessa Matilde di Canossa (1046-1115), che indicò nel sesto matildico, la corretta distanza di impianto fra un castagno e l'altro. L'industrializzazione e il conseguente abbandono delle montagne ne hanno invece compromesso l'intrinseco valore, numerosi castagneti furono inglobati dal bosco, mentre la concomitante incidenza di una serie di malattie ne ridusse drasticamente il numero. Fortunatamente dagli anni '80, Marradi, Terra del Marron Buono e punta di diamante dell'IGP del Mugello, ha potuto assistere a un rinnovato interesse per la castanicoltura locale, contrassegnato dal recupero dei suoi castagneti secolari e dalla valorizzazione della qualità dei suoi marroni, riconosciuta a livello internazionale come la più alta e sempre più apprezzata sul mercato

Durante i giorni della sagra le strade e le piazze della cittadina si riempiono di bancarelle che vendono i prodotti più caratteristici a base di castagne da mangiare sul posto o da acquistare per portare a casa. Fra le specialità troviamo certamente la torta di marroni, il castagnaccio, i cannoli tipici riempiti con ricotta e castagne e, ovviamente, le “Bruciate” ovvero le amate caldarroste. 

 

Marradi si trova quasi al confine fra la Toscana e l’Emilia Romagna, e nei giorni della Sagra l’afflusso di automobili alla cittadina è davvero impressionante. Per non rimanere imbottigliati nel traffico, ma anche per godere di una modalità di viaggio che nella frenesia della vita moderna rischia di andar perduta, è caldamente consigliato raggiungere la Sagra con il treno a vapore che parte dalle stazioni di Firenze Rifredi e Firenze Campo di Marte.
 

 


Le antiche carrozze, trainate da una vera locomotrice a vapore, sono un spettacolo per gli occhi e il viaggiare lentamente riporta ad una dimensione più umana e godibile che sia adulti che bambini potranno scoprire ed apprezzare

 

 

 

 

 

 

 

Di seguito il link di dolce tipico a base di Marroni di Marradi, desunta dal sito http://www.stradadelmarrone.it/:

 

http://www.lagolaeilcucchiaio.com/single-post/2016/09/21/Torta-di-Marroni-di-Marradi

 

Please reload

Post in evidenza

Lasagna di primavera

March 30, 2020

1/10
Please reload

Post recenti

March 30, 2020

March 29, 2020

March 28, 2020

Please reload

Archivio