Sorpresa di San Valentino all'Acqua crua!

February 1, 2018

 

 

Una portata davvero sorprendente: nel menù proposto da Giuliano Baldessari per San Valentino un gioiello particolare a base di cavolfiore e caviale. Per gli anticonformisti a disposizione un tavolo conviviale.

Al Ristorante Aqua Crua di Barbarano vicentino di Giuliano Baldessari- 1 stella Michelin-  la cena di San Valentino inizierà con un anello molto speciale: un monile realizzato con pasta di pane, crema di cavolfiore e caviale, servito al tavolo dentro ad un classico astuccio di velluto.

“Questo è un piatto perfetto da servire a San Valentino – racconta Baldessari - ma che in realtà è nato per celebrare la città di Vicenza, famosa per la lavorazione dell’oro, che da qualche anno ormai è diventata casa mia. Io sotto sotto sono un gran romanticone, quindi mi auguro che questo gioiello possa ispirare qualcuno dei miei commensali a fare la proposta alla sua innamorata”.

A San Valentino il ristorante Aqua Crua di Giuliano Baldessari propone un menu unico a 100 euro. I piatti saranno decisi a ridosso della cena, sulla base dell’estro del momento e delle materie prime reperibili sul mercato. Un menù leggermente diverso sarà servito al tavolo conviviale, allestito per 10 persone, in cui mangiare tutti assieme. Chi è single e desidera esorcizzare San Valentino, chi viene con un amico o anche chi è in coppia, ma ha voglia di conoscere nuove persone, potrà trascorrere in questo modo una serata divertente e alternativa. Un pensiero gentile e delicato dello chef...

 

 

Giuliano Baldessari

 

 

Giuliano Baldessari nasce a Trento nel 1977. La sua città è Roncegno Terme, un tempo centro termale importante per la provincia trentina. Circondato da alberghi e ristoranti, è lì che nasce la passione di Giuliano per la cucina e per l’ospitalità e che lo porta a frequentare il corso triennale “Macrosettore Alberghiero” del centro di formazione di Levico Terme. Terminati gli studi si fa le ossa fra “Hotel Posta” e Cavallino Bianco Ortisei- Bolzano Miramonti e “Grand Hotel”  Cortina D’Ampezzo,  “Ristoranti Villa D’Este Srl” Cernobbio (CO), per poi arrivare a girare il mondo sulle navi da crociera.

Tornato in Italia fa per più di due anni lo chef de partie da Aimo e Nadia a Milano, per poi trasferirsi in Francia e fare due stagioni alla corte di Marc Veyrat come demi chef de partie prima all’Auberge de L’Eridan ad Annecy e successivamente a “La Ferme de mon Père», di Mègeve. È proprio in Francia che Baldessari incontra Massimiliano Alajmo, che lo porterà come sous-chef alle Calandre nel 2003. Dal maggio di quell’anno e per 10 anni Baldessari è il braccio destro di Alajmo, che diventa il suo maestro, oltre che amico.

Il legame è ancora vivo, ma nell’estate del 2013 Baldessari decide di tentare la grande avventura e di aprire un locale tutto suo. Il caso lo porta a innamorarsi di un vecchio stabile abbandonato nel centro di Barbarano Vicentino, vicino al palazzo dei Canonici. È lì che nascerà, di lì a poco Aqua Crua, il primo ristorante di Giuliano Baldessari.

In poco più di un anno riceve il premio Miglior Cucina Creativa dell’Alpe Adria dalla Guida Magnar Ben, si aggiudica lo Sparkling Menu di Villa Franciacorta e gli viene riconosciuta, a fine 2015, la sua prima stella Michelin. ( tratto dal sito Acquacrua.it)

 

 

Please reload

Post in evidenza

Spaghetti con ricciola in giallo

May 25, 2020

1/10
Please reload

Post recenti

May 20, 2020

May 17, 2020

Please reload

Archivio