Animelle di vitello e Durello secondo Eleonora Andriolo

October 28, 2018

Le animelle di vitello con gelatina di passito di Durello

 

La Chef Eleonora Andriolo ha accolto con entusiasmo la proposta del Consorzio tutela Vino Lessini Durello, di partecipare a “Durello & Friends, l’evento dedicato alle bollicine di Verona e Vicenza, giunto quest’anno alla sua sedicesima edizione e ospitato a Villa Bonin (Vicenza) sabato 27 e domenica 28 ottobre 2018.

La Chef ha interpretato l'abbinamento con le bollicine veronesi con un piatto molto ricercato: “L’anima del Durello: animelle di vitello padellate al tartufo nero di Gambugliano, con gelatina di passito Durello”

.«Il Durello è uno spumante giovane e alternativo, stuzzicante e dinamico, mai scontato – afferma la Chef –, con un carattere vulcanico che lo rende unico: io mi sento proprio così».

Il ristorante Acchiappagusto Emozioni dei sapori è da poco entrato nella Guida dei Ristoranti de L’Espresso 2019 e nella Guida Venezie A Tavola 2019. Nel 2018 la Chef ha partecipato al contest il Risotto del Giornalista organizzato dalla Fiera del Riso di Isola della Scala (Verona), alla XIV edizione di Caseus Veneti, il Concorso regionale Formaggi del Veneto a Villa Contarini (Piazzola sul Brenta - Padova) interpretando il Formaggio DOP Asiago. La Chef ha molte novità in arrivo che non vuole ancora svelare.Il fulcro del suo lavoro rimane comunque il ristorante, avviato assieme al padre Flavio quattro anni fa e, da quest’anno, guidato in maniera indipendente da Eleonora assieme a una squadra in continua evoluzione Trenta posti a sedere e una bellissima terrazza panoramica che si affaccia sui Colli Berici. «Non serviamo più di trenta persone a servizio», spiega Eleonora che controlla ogni piatto prima del servizio.

 

 

Eleonora Andriolo

 

Volenterosa, caparbia, instancabile, ma sempre con il sorriso sulle labbra, Eleonora esprime pienamente se stessa nella cucina che è istinto, curiosità, ricerca e studio. La passione per la cucina è nata molti anni fa nella cucina di nonna Elvi, dove Eleonora, allora bambina, trascorreva lunghi pomeriggi mentre mamma e papà erano al lavoro. «Amavo lavorare la materia prima, assemblare gli ingredienti per poi vedere il prodotto finito. Ricordo la felicità che sentivo crescere dentro nel vedere i miei genitori mentre assaggiavano un dolce fatto con le mie mani». Ed è proprio la nonna materna, la critica più temuta: «Chiamo sempre nonna Elvi quando preparo un nuovo menu. Lei assaggia silenziosa, poi a fine pasto mi fa chiamare, mi fa sedere accanto a lei e mi recensisce ogni piatto. Ciò che amo di più è la frase finale che pronuncia sempre, inesorabilmente. Mi dice di non scrivere su carta, “Eleonora, appunta tutto a mente e nel cuore”. Come dire: “Mettici più testa e passione” ed è ciò che cerco di fare ogni giorno da quando ho iniziato a lavorare nel ristorante di papà». Nel 2015, ha frequentato numerosi corsi di alta cucina, per poi, nel 2016, impegnarsi in uno stage prolungato al ristorante stellato “Esplanade” di Desenzano del Garda dove ha affiancato lo Chef Massimo Fezzardi in cucina. Il 2018 è stato dedicato alla pasticceria. «Adoro preparare i dolci: rappresentano la conclusione di ogni pasto e devono accompagnare il commensale per lungo tempo lasciando un buon ricordo, non troppo dolce, ma soprattutto leggero». Nel 2018 decide di affinare le sue conoscenze e frequenta una master class di alta pasticceria con la pluripremiata Chef Pâtissière Cècile Farkas Moritel. «Cos’amo della pasticceria? L’estrema precisione: se sbagli una crema, la butti via. Adoro il tempo che richiede la preparazione di un dolce: io lavoro in silenzio, soprattutto nelle prime ore del mattino, quando non c’è ancora nessuno nel ristorante. Provo e riprovo nuovi dolci, sperimento».

 

Please reload

Post in evidenza

Spaghetti quadrati alici e bottarga

February 24, 2020

1/10
Please reload

Post recenti

February 23, 2020

February 18, 2020

February 17, 2020

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag