Una zuppa di farro...che ricicla!



In questo periodo non è raro trovare al mercato dei broccoli romaneschi...con lunghe foglie croccanti molto aderenti alle infiorescenze. E' un peccato buttarle e così ho provato questa ricetta, molto semplice, per utilizzare le foglie che, normalmente vengono buttate.


Ingredienti per 4 persone

300 grammi di farro decorticato

Le foglie di un broccolo romanesco

1 cipolla rossa di Tropea

1 spicchio d'aglio

1 peperoncino

olio evo


Preparazione

Prima di tutto metto in ammollo il farro decorticato per 12 ore: basterà immergerlo nell'acqua a temperatura ambiente prima di andare al lavoro e scolarlo per la preparazione serale.

Poi si passa alla bollitura, che dura un'ora. Si ha così tutto il tempo di preparare gli altri ingredienti.

Lavo le foglie del broccolo romanesco e le taglio a strisce non troppo sottili , metto da parte. Pulisco l'aglio e taglio la cipolla a fette sottili.

In una padella verso l'olio evo, la cipolla e l'aglio, lascio appena imbiondire e verso le foglie di broccolo ancora gocciolanti. Mescolo per condirle tutte a fuoco altro, abbasso il fuoco, salo leggermente e copro. Dopo tre o quattro minuti si saranno appassite e insaporite. Levo lo spicchio di aglio.

A 10 minuti dalla fine della cottura del farro, vi verso le foglie del broccolo con tutto il loro condimento, assaggio ed eventualmente aggiungo sale.

Come tutte le zuppe, l'accompagnamento ideale è il crostino di pane abbrustolito. La zuppa va servita morbida ma non troppo liquida, non bollente...e con un bicchiere di buon vino dei Castelli Romani.

Per chi non è vegano consiglio anche una bella spolverata di pecorino romano.

Buon appetito!


Post in evidenza
Post recenti