A Roma si aprono le porte de La Città della Pizza!

March 31, 2017

 

 Manca ormai davvero pochissimo all’apertura de La Città della Pizza, il grande evento, ideato da Vinòforum e realizzato con la collaborazione di Ferrarelle, che - a partire dalle ore 18.00 di venerdì 31 marzo, fino alle 23.00 di domenica 2 aprile – vedrà la partecipazione di oltre 40 tra i migliori pizzaioli d’Italia. Un dream team protagonista, all’interno degli ampi spazi di Guido Reni District – in via Guido Reni, 7, a Roma – di workshop, laboratori per adulti e bambini, pranzi e cene a quattro mani con grandi chef e, soprattutto, nella preparazione di più di 90 differenti ricette di pizza, suddivise nelle categorie “Napoletana”, “All’italiana”, “A degustazione”, “Al taglio” e “Fritta”.

Questi gli interpreti della prima giornata di lavori, che prenderanno posto nelle Case per sfornare calde e fragranti pizze: Massimo Bosco della Pizzeria Bosco (Sassari), Petra Antolini di Casa Petra (Verona), Marzia Buzzanca di Percorsi di Gusto (L’Aquila), Massimiliano Prete di Gusto Divino (Cuneo), Giancarlo Casa de La Gatta Mangiona (Roma), Pierluigi Police di O’scugnizzo (Arezzo), Gennaro Battiloro de La Kambusa (Lucca), Gianfranco Iervolino di Morsi e Rimorsi (Caserta), La Confraternita della Pizza (Roma), Ciro Oliva di Concettina ai Tre Santi (Napoli).

A queste vanno ad aggiungersi due importanti novità molto attese, presenti per tutta la durata della manifestazione. La casa della senza glutine, l’area, richiesta da molti, gestita dalla Pizzeria La Teresina, tra le migliori gluten free di Roma e d’Italia, nata dalla consulenza di Marco “Guappo” Amoriello. La pizza è preparata con una miscela di farine senza glutine altamente selezionate, cotta nel forno a legna e condita con ingredienti di altissima qualità. E La casa della semola, uno spazio, powered by La Molisana, dedicato esclusivamente alla pizza fatta con semola di grano duro decorticato a pietra, anche nella versione integrale; impasti alternativi e qualità delle materie prime per un menu senz’altro originale.  

Alle ore 18.30 va in scena anche il primo dei workshop pensati per gli addetti ai lavori: “3 impasti”, con i maestri Gino Sorbillo, Gabriele Bonci e Massimiliano Prete. Riflettori puntati sulle diverse interpretazioni degli impasti: dalla pizza napoletana classica, “dei quartieri”, anche detta “a rota’e carro”, fino alla romana in teglia, croccante e ben alveolata, passando per la nuova tipologia di pizza tonda “da degustazione”, alta e soffice e pronta ad accogliere topping elaborati. Tre stili di pizza molto diversi tra loro interpretati da tre grandi maestri dell’impasto. Modera il giornalista, grande esperto della materia e membro della squadra di autori della manifestazione, Luciano Pignataro.

Alle ore 18.00 in partenza anche i laboratori per il pubblico firmati Unox, l’azienda specializzata nella realizzazione di forni professionali. Questi i temi “in tavola”: Risto-pizzeria, cotture a vapore, Il dolce ad ogni ora: i bignè, Panini speciali per la tua tavola, Focaccia e panbrioche: il contorno alla tua pizza.

Alle 20.30 è il turno del primo degli appuntamenti delle “Ferrarelle Sensational Brunch e Dinner” i live show a quattro mani firmati da maestri pizzaioli e grandi chef. A salire sul palco saranno la stellata Iside De Cesare del ristorante la Parolina, di Trevinano, e Salvatore Di Matteo, dell’omonima, storica pizzeria di via dei Tribunali. Quattro portate, frutto di estro e contaminazione, alle quali saranno abbinate le bollicine italiane del Consorzio del Prosecco DOC e la birra artigianale piemontese Baladin.

Proprio queste ultime due realtà daranno al pubblico la possibilità di giocare con molteplici abbinamenti, grazie alle decine di pizze che verranno sfornate durante la tre giorni di evento. Proposte classiche o più ardite per la compagine di Teo Musso, a partire dalle quattro spine della linea Open, che vede in prima fila la birra Nazionale, la prima birra artigianale 100% italiana. Ampia e molto diversificata sarà allo stesso modo la scelta di etichette in bottiglia. Diversi stili e tipologie anche per il Prosecco DOC, che nel proprio stand ha studiato inoltre diverse degustazioni tematiche - guidate dai Master Sommelier della Vinòforum Factory - per soddisfare ogni curiosità sulla materia e “testare” dal vivo l’accostamento che affascina sempre più italiani, e non solo, ovvero quello tra la pizza e le bollicine del Prosecco DOC.

Pronta ad aprire le porte ai visitatori anche la zona materie prime, dove si potrà entrare in contatto con i principali ingredienti della pizza: Farina, Pomodoro, Mozzarella, Olio. E a proposito di extravergine, olio ufficiale della manifestazione è Pizzolivm, il nuovo extravergine di origine 100% italiana firmato da Olitalia, l’azienda italiana specializzata da oltre 30 anni nella produzione di oli e aceti di qualità.

“Saranno tre giorni di festa – sottolinea Emiliano De Venuti, ideatore de La Città della Pizza e CEO di Vinòforum – che vedranno come unica, grande protagonista, la pizza, in tutte le sue sfumature, stili e interpretazioni differenti, dal Nord al Sud del Paese. Un evento capace davvero di accontentare i gusti di tutti: dal pubblico di semplici appassionati ai più esigenti, passando per le diverse figure di addetti ai lavori, che qui avranno l’opportunità di scoprire e studiare l’intero universo della pizza, dalle scuole classiche alle nuove tendenze”.

Please reload

Post in evidenza

Tagliolini al ragù bianco di carni bianche

August 4, 2020

1/10
Please reload

Post recenti

July 30, 2020

Please reload

Archivio