Crostini con baccalà mantecato e pomodorini confit


Questa ricetta pur essendo ricavata da quella originale di Venezia: il baccalà mantecato; prevede l'utilizzo del baccalà e non dello stoccafisso, prevalentemente utilizzato in veneto. Il pesce assume una particolare delicatezza e il piatto risulta particolarmente gustoso, piacevole anche ai palati che generalmente non gradiscono il deciso sapore del baccalà


Ingredienti per 4 persone:

1 kg. di baccalà

1 cipolla

1/2 bicchiere di latte

350 gr. di pomodorini

12 crostini di pane tostato

sale, pepe

1/2 cucchiaino di zucchero

1 cucchiaino di origano

1/3 di bicchiere di olio evo


Preparazione:

Se si acquista il baccalà ancora sotto sale è necessario dissalarlo; immergerlo in acqua fredda per almeno ventiquattro ore, cambiando di tanto in tanto la bagna. Trascorso questo tenpo assicurarsi che la salatura si sia disciolta quasi completamente, assaggiando un pezzetto di pesce, se risultasse ancora troppo salato continuare il bagno per il tempo necessario. Raggiunta la salatura giusta, liberare il pesce dalla pelle, tagliare il filetto in piccole parti. Soffriggere in tegame la cipolla, in olio, non appena questa risulti dorata aggiungere i pezzetti di baccalà, far cuocere per circa un minuto e versare nel tegame il latte, abbassare il fuoco e lasciar cuocere per una ventina di minuti, Far tostare il pane, tagliato a fettine rotonde di circa 5 centimetri di diametro. Infornare i pomodorini tagliati a metà conditi con olio,sale, pepe, origano e lo zucchero. Consiglio di utilizzare il micro onde a 900 gradi per circa quattro minuti, nel forno normale il tempo sarebbe molto più lungo. Quando il baccalà sarà pronto frullarlo, fino ad ottenere una crema soffice ma consistente. Con due cucchiai ottenere delle quenelle di crema e adagiarle sui crostini, Guarnire sia la crema che il piatto di portata con i pomodorini confit.


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

© 2016 by Claudio Lavacca