Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori: entrano nel gruppo Margò e la Torre

July 21, 2017

 Cialda di riso del ristorante Margò dell’Hotel la Perla di Ravascletto 

 

Il Consorzio Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori è una realtà che funziona: la passione e la competenza del fondatore Walter Filipputti, lo straordinario valore gastronomico dei prodotti tipici e dei vini della Regione, la sapienza aritigianale e l'accoglienza dei grandi cuochi, la capacità i presentare le eccellenze regionali con una perfetta organizzazione e in location mozzafiato, ne fanno un motore unico nella promozione dell'agroalimentare e della ricettività friulane.

Oggi sono due le new entry in Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori: i ristoranti Margò dell’Hotel la Perla di Ravascletto e La Torre di Spilimbergo sono stati ammessi a far parte del gruppo portabandiera del livello di assoluta eccellenza della gastronomia del Friuli Venezia Giulia. Salgono così a 21 i ristoranti associati al consorzio presieduto da Walter Filiputti, nato 17 anni fa per volere di un gruppo di ristoratori, ed oggi composto complessivamente da 57 aziende (fra ristoranti, cantine e produttori agroalimentari), raro esempio di promozione virtuosa del binomio territorio-enogastronomia, un’operazione talmente riuscita da essere diventata un caso di studio presso l’Università Bocconi di Milano. 

 

 

Sara Polo e Stefano Buttazzoni

 

L’Hotel La Perla è uno degli indirizzi storici dell’ospitalità in Carnia. Si trova a Ravascletto, a 963 d’altitudine, immerso tra pascoli e boschi, a pochi passi dalla partenza della funivia che sale sullo Zoncolan, montagna mitica per i ciclisti – definita il Kaiser – da quando la sua durissima salita è stata inserita nel Giro d’Italia. Frequentato da una clientela internazionale, con piscina coperta e un accogliente centro benessere, è di proprietà della famiglia Polo, albergatori da tre generazioni. Sara Polo – perfetta padrona di casa, appassionata conoscitrice di erbe, fiori, tradizioni che ama condividere con gli ospiti - ha da poco inserito, accanto alla cucina tradizionale per la quale è già ben rinomato il ristorante dell’hotel, quella creativa del Ristorante Margò, nome del piccolo torrente che passa accanto. La cucina del Margò è affidato all’entusiasmo e alla bravura di Stefano Buttazzoni, friulano di Ragogna-San Daniele, ma che si definisce carnico, tanto si è innamorato di questa terra, dove lavora dal 1995. Certamente il suo stile, la sua capacità di rileggere la cucina locale, unite alla volontà di ricerca e di valorizzazione dei prodotti della montagna, ne fa il degno seguace del grande Gianni Cosetti, la cui immensa opera in cucina, dopo la sua scomparsa, pareva non trovare seguito. Ora ciò sarà possibile. Un esempio? La “Verticale di frico”, deliziosa reinterpretazione del più classico piatto carnico. Servizio particolarmente curato, fiori di campo a colorare i tavoli, Margò ha una sala riservata, con la possibilità di due romantici tavoli, in perfetta solitudine, nella sala del camino. Ottima la cantina, in maggioranza del Friuli Venezia Giulia, ma non solo. (www.laperlahotel.eu)

 

 Gnocchi di seppia alla griglia del ristorante La Torre di Spilimbergo 

 

 

Per arrivare al ristorante La Torre di Spilimbergo (la città del mosaico in provincia di Pordenone) si attraversa piazza del Duomo (1284), la cui visita può diventare un imperdibile aperitivo culturale. Poi il Castello del XII secolo con lo splendore del Palazzo Dipinto, affrescato nel 1544. Al piano terra ricevono gli ospiti il sommelier Massimo Botter e lo chef Marco Talamini, che insieme conducono questo gioiello ricco di atmosfera, con due intime salette dall’arredamento sobrio ed elegante. Marco così racconta la sua cucina: “Seguo la filosofia del tre: la miglior cottura per l'ingrediente base e altri due per creare armonia”. Partendo sovente da prodotti di territorio. Il tutto valorizzato da una Carta dei vini di prim’ordine, che riesce a soddisfare anche i più attenti conoscitori. Il ristorante La Torre aveva aperto i battenti, grazie a Stefano Zannier, nel 1983 nella vecchia sede (che ora è un’importante enoteca), per trasferirsi nel 1992 nella prestigiosa ed unica cornice attuale. (www.ristorantelatorre.net)

La Torre è, con Al Gallo di Pordenone e La Primula di San Quirino, uno dei 3 ristoranti pordenonesi di Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori, di cui fanno parte in provincia di Udine, accanto alla new entry Margò, Al Grop di Tavagnacco, Al Paradiso di Paradiso di Pocenia,  Campiello di S. Giovanni al Natisone, Carnia di Venzone, Costantini di Tarcento, Da Nando di Mortegliano, Da Toni di Gradiscutta, Ilija Tarvisio, Là di Moret di Udine, La Tavernadi Colloredo di M.Albano, Sale e Pepe di Stregna, Vitello d’Oro di Udine. In provincia di Gorizia si trovano Al Ponte di Gradisca d’Isonzo, All’Andronadi Grado, La Subida di Cormòns e Lokanda Devetak di San Michele del Carso e in quella di Trieste Al Lido di Muggia.

 

 Massimo Botter e Marco Talamini

 

 

Please reload

Post in evidenza

Baccalà mediterraneo

September 19, 2020

1/10
Please reload

Post recenti

September 19, 2020

September 17, 2020

September 17, 2020

September 16, 2020

September 14, 2020

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

© 2016 by Claudio Lavacca