Il vino italiano in Germania

December 18, 2018

 

Il mercato tedesco del vino è in continuo evolversi, il paese germanico che è il terzo importatore dei nostri vini, ha fatto registrare, nel 2017 un calo delle importazioni che si aggira verso il 10%. Questo calo quantitativo viene bilanciato da un 10% di crescita di valore. Questo sta a significare una crescita qualitativa dell' importazione tedesca del vino italiano. Un riposizionamento dovuto prevalentemente al fatto che il consumatore tedesco si rivolge, oggi, con interesse alla produzione interna. A dirlo è lo studio “Tendenze e prospettive per i fine wines italiani presso la ristorazione tedesca”, commissionato dall’Istituto del Vino Italiano di Qualità Grandi Marchi all’Osservatorio Wine Monitor di Nomisma, diretto da Denis Pantini, e presentato oggi a Roma nella sede dell’Associazione stampa estera. Sotto la lente, 200 ristoranti (di cui il 78% di fascia medio-alta) segnalati dalle principali guide di settore e un campione di 1000 consumatori che normalmente bevono vino fuori casa. Due filoni d’indagine da cui emerge come principale tratto comune una vera e propria ‘svolta campanilista’ verso lo stile alimentare tradizionale tedesco a discapito di quello straniero. Di fronte alla scelta del vino da inserire in carta, infatti, il 34% dei ristoratori sceglie principalmente in base all’origine tedesca e poi alla popolarità del vitigno (33%) e alla notorietà del brand (23%). Sul versante dei consumatori, l’acquisto dei vini premium al ristorante (prezzo a bottiglia superiore ai 30 € per i bianchi e ai 40€ per i rossi) segue il criterio della tipologia (23%) e quello del territorio di produzione (21%) con in testa, nell’ordine, Germania, Francia e Italia. 

Piero Mastroberardino, presidente dell’Istituto del Vino Italiano di Qualità Grandi Marchi, che riunisce diciannove tra le più importanti cantine italiane, dichiara:" L’indagine che abbiamo commissionato a Wine Monitor di Nomisma ci fornisce una conferma inequivocabile sul fatto che occorre lavorare sempre più sulla promozione, con azioni mirate sulla ristorazione, che di fatto rappresenta il principale canale di vendita dei fine wines in Germania. Attraverso la ristorazione bisogna arrivare a far conoscere ulteriormente la tradizione, la cultura e l’altissima qualità del made in Italy enologico che la nostra compagine è in grado di rappresentare al meglio. Ma è evidente che occorre intensificare gli sforzi, perché il consumatore tedesco ha bisogno di conoscere la nostra grande varietà e i diversi territori di appartenenza”.

La promozione deve arrivare  anche e soprattutto ai millennials, i giovani tedeschi che bevono birra e ancora non conoscono il mondo del vino. "Se i baby boomers ( la terza età) bevono meno, anche a causa di problemi di salute - afferma Denis Pantini - manca ancora il passaggio del testimone alle nuove generazioni, che comincia a bere vino in età più matura. A ciò va aggiunta la riscoperta dei vini locali, che sta spingendo il consumatore a guardare sempre meno ai prodotti stranieri. Non a caso, mentre l’import dei vini imbottigliati scende di oltre il 4% a volume, il consumo di vino tedesco tra il 2012 e il 2017 è cresciuto del 3%. Ma c’è poi una terza motivazione legata invece alla percezione del vino tricolore, che evoca tra i consumer essenzialmente un concetto di convivialità, mentre invece non sembra soddisfare a pieno il rapporto qualità-prezzo. Emerge infatti che per molti degli intervistati i vini made in Italy proposti dalla ristorazione evidenziano prezzi in crescita non giustificata da incrementi qualitativi o legati all’innovazione".

 

Please reload

Post in evidenza

Farfalle ai fiori di zucca

September 17, 2020

1/10
Please reload

Post recenti

September 17, 2020

September 17, 2020

September 16, 2020

September 14, 2020

September 13, 2020

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

© 2016 by Claudio Lavacca