Tortino di patate e scarola


Questo tortino di patate e scarola inizialmente lo avevo pensato come un sandwich di patate e verdura, poi in corso d'opera ho cambiato idea. Mi è sembrato che in questa forma fosse più appetitoso, e che non assomigliasse al classico gateau.

Ingredienti per quattro (12 tortini)

1,2 kg di patate

50 gr di pangrattato

4 cespi di scarola

2 filetti di acciughe sott'olio

40 olive nere di Gaeta

50 gr uvetta

50 gr pinoli

1 spicchio di aglio

q.b. sale

q.b. olio extravergine di oliva


Preparazione

In acqua fredda versare le patate e portare ad ebollizione, cuocere per circa trenta minuti. Una volta cotte le patate schiacciarle con l'apposito strumento. Condire l'impasto con sale e un cucchiaio di olio, mescolare bene.

Lavare la verdura e separare le foglie, tagliarle a pezzi. Versare la scarola in acqua bollente salata per circa cinque minuti, in modo che non perda del tutto la croccantezza. Scolare l'ortaggio e farlo asciugare, in una padella far soffriggere l'aglio e le acciughe, appena saranno sciolte aggiungere la scarola, lasciar cuocere per quattro minuti con un coperchio. Snocciolare e triturare le olive, trascorso il tempo necessario togliere il coperchio e aggiungere in padella le olive, l'uvetta e i pinoli, continuare la cottura per altri tre minuti amalgamando bene gli ingredienti. Con dell'olio ungere gli stampini e cospargere l'interno con pangrattato. Riempire il fondo degli stampi con un disco di patate schiacciate, adagiare su questo un cucchiaio di verdura, coprire il tutto con un altro disco di patate serrando bene lo stampino. Ungere la superficie del tortino con pochissimo olio e infornare a 200° per circa venti minuti. A cottura avvenuta estrarre dal forno e lasciar freddare i tortini, solo a temperatura ambiente estrarre i tortini dagli stampi.


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Questo è un paragrafo. Fai clic qui per modificarlo e aggiungere il tuo testo.

© 2016 by Claudio Lavacca