Anni '80: fettuccine al salmone e pepe rosa

December 14, 2019

 

 

Questo tuffo nel passato, nella cucina dell'epoca dei rampanti lo si deve al fatto che rientrando da un viaggio ho visto nel frigo un barattolino di crema di latte che di lì a poco sarebbe scaduto, quindi fedele al principio che in cucina non si butta nulla ho pensato a questo piatto tanto caro al buon Ugo Tognazzi.

Certo l'attore cremonese usava la sua panna da cucina, quella più densa e francesizzante; allora si voleva elevare di raffinatezza la cucina italiana, ottenendo invece di snaturare quella italiana. A quell'epoca nacquero piatti oggi improponibili, proprio come le fettuccine al salmone qui ho proposto questa preparazioni ma impostandola secondo i criteri odierni.

 

Ingredienti per 4 persone per le fettuccine al salmone e pepe rosa:

400 gr di fettuccine

300 gr di salmone affumicato

500 cl di crema di latte

qualche grammo di pepe rosa

una presa di sale grosso

 

Preparazione delle fettuccine al salmone e pepe rosa:

Tagliare il salmone a striscioline, versare un terzo della crema di latte in una padella e scaldarla a fuoco basso. Quando la crema comincia a sobbollire versare il salmone nel tegame. Nel frattempo Far bollire l'acqua della cottura della pasta con una presa di sale grosso, versare le fettuccine e farle cuocere per non di più di due minuti. Scolare la pasta umida e versarle nel composto di condimento, continuare la cottura aggiungendo a filo il resto della crema di latte e mescolare continuamente. Dopo altri due minuti chiudere il fuoco e servire le fettuccine guarnendo con foglie di basilico e pepe rosa macinato al momento, meglio se schiacciato nel mortaio.

 

Please reload

Post in evidenza

Farfalle ai fiori di zucca

September 17, 2020

1/10
Please reload

Post recenti

September 17, 2020

September 17, 2020

September 16, 2020

September 14, 2020

September 13, 2020

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

© 2016 by Claudio Lavacca