top of page

Gli gnocchi gamberi e carciofi di Alceste



Gli gnocchi sono un piatto che incontra il gusto di gran parte degli italiani; sia al nord come al sud si consumano più che volentieri. Si abbinano facilmente ai condimenti più svariati dai più semplici con burro e parmigiano ai più sofisticati come astici o tartufi.

Il piatto qui proposto e una ricetta di Elena Regolanti, di Alceste, ristorante di Anzio: il piatto risponde infatti ad una tradizione tipica delle coste laziali: utilizzando sia i gamberi che i carciofi, ortaggio vanto della cucina romana e della provincia della capitale.


Per preparare gli gnocchi in casa sono da preferire le patate a pasta bianca, che vanno fatte cuocere per almeno trenta minuti senza che siano sbucciate. Una volta cotte -devono risultare morbide- vanno sbucciate e schiacciate ancora calde e non bollenti.

Unire la patata schiacciata (350 gr,) alla farina (150 gr.), uno uovo e un pizzico di sale. Queste dosi sono per quattro persone. Impastate il tutto e ricavare un composto soffice e consistente. Abbiate l'accortezza di conservare un paio di cucchiai di patate schiacciate, potrebbero risultare utili se l'impasto risultasse troppo morbido durante la prova della cottura.


Dall'impasto ricavare con le mani dei cordoli lunghi dello spessore di circa 1,5 cm. Tagliare i cordoli a picccoli segmenti, larghi circa 1 cm. Ogni gnocco così ottenuto va leggermewnte schiacciato e avvvolto su se stesso, in modo che risulti una piccola pallina concava. Ora non resta che far riposare per qualche minuto gli gnocchi, giusto il tempo di preparare la salsa.


In una padella, con cinque cucchiai di olio, far imbiondire uno spicchio di aglio ed eliminarlo. Versare i carciofi mondati e lavati ma sopratutto tagliati alla julienne molto sottilmente, farli rosolare appena. In un altro tegame versare altri cinque cucchiai di olio e farlo scaldare, versate i gamberi sgusciati, farli cuocere, non appena avranno assunto il classico colore arancione, versare nella padella mezzo bicchierino ci brandy, far consumare l'alcol e scolarli, mescolandoli con i carciofi, tenere la salsa ottenuta in caldo. In acqua abbondante e bollente versare uno gnocco, attendere che venga a galla, se risulta compatto si proceda alla cottura del piatto, altrimenti impastare nuovamente gli gnocchi con le patate messe da parte,

Una volta scolati su un piatto di portata, versare la salsa di gamberi e carciofi guarnendo con qualche foglia di prezzemolo. Non ho fatto cenno al sale, per me è sufficiente quello contenuto nell'impasto.

Comments


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag