La nuova Arte: Il Pizzaiolo


Riapre i battenti la manifestazione “La città della Pizza”, la kermesse che nella capitale richiama il meglio dei pizzaioli italiani, da oggi fino a domenica prossima. Si alterneranno, nei vari stand, per raccontare e far assaggiare tutte le tipologie di pizza, dalle classiche a quelle in teglia fino ad arrivare a quelle a taglio. Questa seconda edizione ben promette, dopo l’enorme successo dell’anno scorso: tornano negli spazi di via Guido Reni forni e impasti, farine e mozzarella; prodotti di eccellenza miscelati per realizzare le migliori pizze dei maestri pizzaioli della penisola. Un parterre di grandi firme del giornalismo gastronomico ha introdotto questa seconda edizione.

da sin. a dex: G. Cerasa, P. Marchi, A. Puzzi, L. Mantovano, E. Cozzella, L. Cremona, A. Sapere.


L’occasione è servita a fare il punto sul mondo della pizza oggi; temi interessanti sono stati toccati e sviluppati, ma quello che è certo è che negli ultimi dieci anni il mondo della pizza ha subito una crescita qualitativa davvero inaspettata. Da cibo dozzinale, anche se buonissimo, da consumare con distrazione, è divenuto cibo ricercato. Il motivo di questa crescita si deve attribuire sia alla crescita dei consumatori, sempre più alla ricerca di cibo di qualità, sia ai pizzaioli che hanno studiato. Al forno si sono avvicinati uomini colti e curiosi, portando nel mondo della pizza selezioni di farine di grani pregiati, lieviti speciali e condimenti di alta qualità. Ora serve solo una crescita dei locali, sono ancora troppo pochi quelli che offrono un servizio adeguato al prodotto offerto.


Renato Bosco e la sua Margherita

Franco Pepe al lavoro (la sua pizza in copertina)


A fare da supporto al dibattito due pizzaioli d’eccezione: Renato Bosco e Franco Pepe, che hanno proposto due delle loro creazioni, il primo la sua margherita con i kiwi al posto del pomodoro; il secondo ha preparato una pizza che trova ispirazione dalla classica parmigiana.



Una delle novità di questa seconda edizione è lo spazio dedicato al Mixology, dove bartender si cimentano abbinando a pizze di livello cocktail da loro inventati per l’occasione: oggi la pizza in teglia di Luca Pezzetta, dell'osteria del Borgo, ripiena di carciofi alla romana. Una pizza cotta in due strati che dopo essere stata sfornata viene farcita con il carciofo. Mattia Ria e Egidio Fidanza, di Blind Pig, per questa pizza hanno creato un cocktail chiamato cinarino, il nome non lascia spazio all’immaginazione per stabilire la base del mix.








Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Questo è un paragrafo. Fai clic qui per modificarlo e aggiungere il tuo testo.

© 2016 by Claudio Lavacca