Le fettine alla pizzaiola



Questa ricetta di antica tradizione italiana; è probabilmente, anzi quasi sicuramente, di origine napoletana.Il suo nome lo si deve attribuire agli stessi ingredienti della pizza napoletana. Infatti fino ad alcuni anni fa la vera pizza era la marinara o la margherita. Solo con l'inizio del benessere del dopoguerra cominciarono a proliferare le varie capricciosa, ai funghi e via dicendo, fino ad arrivare ai giorni quando alcuni pizzaioli si sono inventati la pizza gourmet, qui si tratta di abbinamenti molto fantasiosi e condimenti di alta qualità che hanno sostituito i classici ingredienti commerciali utilizzati in precedenza in pizzeria. Ma torniamo alle nostre fettine. La pizzaiola ha avuto il suo grande consumo dagli anni sessanta in poi del secolo scorso, quando nelle case italiane la fettina veniva consumata quotidianamente, quindi le massaie si prodigavano per inventare o riutilizzare ricette atte a variare dalla solita fettina in padella. Qui racconto la ricetta tramandata dalla mia famiglia, che comunque credo molto simile alla verace partenopea.


Ingredienti per quattro

400 gr. di fettine di manzo

2 spicchi di aglio

6 cucchiai di olio evo

1/2 bicchiere di vino bianco

600 gr. di polpa di pomodoro

2 cucchiai di origano secco

sale e pepe.


Preparazione

Soffriggere, in una padella, l'aglio. Appena questo si sarà imbiondito toglierlo dall'olio. Versare nell'olio molto caldo le fettine di carne, girarle subito in modo da scottarle su entrambi i lati, versare in padella il vino e farlo evaporare. Abbassre il fuoco e aggiungere il pomodoro, condire il tutto con l'origano il sale e il pepe. Coprire la padella con un coperchio e far terminare la cottura per circa trenta minuti. Se si utilizza una quantità maggiore di pomodoro il sugo può essere utilizzato per condire un primo piatto.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Questo è un paragrafo. Fai clic qui per modificarlo e aggiungere il tuo testo.

© 2016 by Claudio Lavacca