top of page

GRANDI MARCHI festeggia i 20 anni di promozione del grande vino italiano nel mondo


Denis Pantini, Paolo Orlando, Piero Mastroberardino e Stefano Carboni


Il vino è prodotto unico in italia, sia sul mercato interno che in quello estero, rappresenta una voce importante per l'economia. In particolare il vino di qualità è particella importante in questa scacchiera, specie all'estero. L'associazione Grandi Marchi rappresenta, ormai da venti anni, un baluardo della qualità italiana nel mondo. 412 eventi internazionali, 129 masterclass, 125 walkaround tasting, 82 gala dinner: sono solo alcuni dei numeri presentati nel corso dell’incontro, svoltosi a Roma presso Palazzo Grazioli, nuova sede della Stampa Estera fresca di inaugurazione, alla presenza di una nutrita rappresentanza di produttori dell’istituto, istituzioni e giornalisti italiani e internazionali. Quello romano è stato il primo dei tanti appuntamenti che caratterizzeranno questo 2024, anno in cui si celebra il ventennale del gruppo, nato nel 2004. 


Un percorso intrapreso da 18 famiglie del vino, tra le più importanti realtà produttive d’Italia, unite dal desiderio di divulgare la cultura, le tradizioni e l’insieme di valori etici e sostenibili che costituiscono l’eccellenza del vino Made in Italy. Un’unione d’intenti che ha fatto di Istituto Grandi Marchi l’ambasciatore del vino italiano di qualità nel mondo, attraverso l’organizzazione di missioni annuali che hanno interessato 31 Paesi in tutti i continenti. Ma anche 20 anni di ricerca e approfondimenti di mercato, con ben 7 survey condotte in collaborazione con Wine Monitor Nomisma, nonché 4 riconoscimenti a giornalisti internazionali per celebrare chi, in linea con la mission di IGM, si dedica alla promozione dei vini italiani e dei loro territori. 


Tutte queste attività sono state contestualizzate dalla presentazione di una ricerca sull’andamento dei vini italiani presso i mercati internazionali negli ultimi 20 anni, con uno studio realizzato appositamente da Wine Monitor di Nomisma commentato da Denis Pantini e dal Presidente Piero Mastroberardino. Una sorta di storia parallela a quella di Istituto Grandi Marchi, utile per osservare i megatrends, in termini di percezione e comportamenti d’acquisto, che hanno scritto il percorso del vino italiano sui mercati mondiali. 


La magnifica nuova sede della Stampa Estera a Roma


“Celebrare i primi 20 anni dell’Istituto è un momento che genera riflessioni – ha raccontato Piero Mastroberardino, Presidente IGM – All’inizio degli anni 2000, in uno scenario in cui in pochi avrebbero scommesso su un format di gruppo composto da attori abituati a calcare le scene da protagonisti individuali, IGM ha intrapreso sin da subito la strada giusta. In qualche modo E Pluribus Unum è stato e continua a essere il nostro motto: tante famiglie del vino di altissimo livello, ognuna con un passato importante ma comunque tutte disposte a porre le proprie visioni e attitudini a servizio di un progetto di squadra. Così IGM è da subito diventato un caso di studio sul senso e sul significato di fare sistema, esprimendo la diversità delle realtà produttive italiane e, allo stesso tempo, rappresentando l’identità del vino tricolore oltreconfine. E in questa occasione mi piace poter ringraziare Piero Antinori, il nostro primo Presidente, dal quale ho raccolto il testimone per proseguire questo bellissimo percorso che ha già un passato importante, un bellissimo presente e per il quale, viste anche le nuove generazioni, è facile prevedere uno splendido futuro”.


L’incontro capitolino ha rappresentato inoltre l’occasione per presentare il nuovo logo celebrativo dei 20 anni e illustrare il calendario eventi 2024 firmato IGM. 

Prima tappa Milano, martedì 18 giugno, per un grande evento charity presso l’Hangar Bicocca in collaborazione con Progetto ITACA, rappresentata per l’occasione dal Presidente del Comitato Promotore Paolo Orlando che ne ha illustrato le finalità. Sarà quindi la volta di Londra, martedì 25 giugno, con l’evento istituzionale del gruppo che offrirà anche l’occasione per confermare la storica partnership con IMW (Institute of Masters of Wine) nel corso di una cena speciale presso l’Ambasciata d’Italia.

“Ovviamente ci saranno anche altri appuntamenti ad accompagnare il nostro ventennale – ha spiegato Piero Mastroberardino – In autunno saremo nuovamente a Milano, con un’iniziativa che vedrà protagonista il Gruppo Giovani IGM. Mentre per la fine dell’anno abbiamo in programma altri eventi che comunicheremo nei prossimi mesi. Possiamo dire che sarà un 2024 ricco di iniziative, esattamente come è nello stile di IGM sin dal 2004”.


Comments


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page