Carbonara vegetale


Non mi piace attribuire il nome proprio di un piatto ad una sua variante, ma non saprei come altro chiamare questa ricetta se non con il nome di tutti gli ingredienti. In questa epoca in cui in molti sono passati ad una filosofia vegetariana i piatti a base di qualsivoglia tipologia di carne sono sostituiti da quelli con la stessa base dove le verdure sono protagoniste. In realtà se andiamo a ripercorrere la tradizione troveremo molti dei piatti che oggi vengono elencati nei moderni menù vegetariani. Ricordiamoci, sempre, che la nostra cucina trova le sue basi in quella povera e contadina, dove i prodotti dell'orto erano molto più frequenti della carne; ad esempio il ragù di verdure o le paste ripiene di patate. La ricetta che qui propongo si va a posizionare nel novero di quelle alternative interessanti e gustose che al posto della carne utilizzano le verdure.


Ingredienti per quattro

6 zucchine romanesche

6 fiori di zucca

un uovo e un tuorlo

80 gr. di parmigiano

1/2 cipolla fresca

pepe

olio extra vergine

350 gr. di fusilli corti


Preparazione

In una terrina mescolare bene le uova con il parmigiano, fino ad ottenere un composto omogeneo e sufficientemente denso. Pulire le zucchine e tagliarle alla julienne, tagliare sottilmente la cipolla, e soffriggerla in una padella assieme alle zucchine, lasciare andare a fuoco moderato, regolatevi con l'olio, non deve essere troppo, ma le zucchine non dovranno risultare secche a fine cottura. Un minuto prima di terminare la cottura degli ortaggi aggiungere nella padella i fiori di zucca anch'essi tagliati alla Julienne. Scolate i fusilli, ho scelto questa tipologia di pasta perché raccoglie tra le sue spirali la salsa e le zucchine, versarla nel composto e aggiungere gli ortaggi mescolare bene e prima di servire aggiungere del pepe macinato fresco,

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Questo è un paragrafo. Fai clic qui per modificarlo e aggiungere il tuo testo.

© 2016 by Claudio Lavacca