Vinòforum: il gusto del "non solo vino"...


I colori della cucina romana di Arcangelo Dandini


Vinòforum è una vera rassegna del gusto italiano, qui è possibile degustare 2.500 etichette di vino, piccoli e grandi produttori affiancati e tutti allineati sulla qualità del prodotto. La stessa qualità che ritroviamo nel cibo, dai prodotti in mostra nella sezione Academy, a quello prodotto da ristoranti e osterie che si alternano nelle varie sezioni della manifestazione. Oggi citiamo tre proposte eccellenti, che vanno dalla tradizione alle interpretazioni più moderne fino ad un prodotto meraviglioso che il mare ci offre.

La prima proposta gastronomica che citiamo è quella più rappresentativa della tradizione romana, quella Cacio e Pepe, così magnificamente interpretata da Arcangelo Dandini dell'Arcangelo di Roma. Dello chef romano abbiamo ampiamente parlato in altri articoli di questo sito, qui vogliamo solo ribadire la sua particolare vocazione di interprete della tradizione romana.


Con Arcangelo Dandini



Il suo ristorante è tra i pochi che propone costantemente nel suo menu quei piatti tipici, che ogni visitatore della capitale vorrebbe assaggiare, ma Arcangelo ne è artefice pregiato. Piatti, che troppo spesso la critica snobba come: Carbonara, Matriciana e Cacio e Pepe, sono proposti qui a Vinòforum e riscuotono un grande successo tra il pubblico. Parlando della Cacio e Pepe dobbiamo sottolineare la perfetta interpretazione di Dandini, dove la crema di pecorino è perfetta, il formaggio è sciolto in acqua tiepida, in cui si condisce la pasta molto al dente, poi si aggiunge il pecorino ed infine il pepe appena macinato. Qui il segreto di Arcangelo, prima di macinare il pepe riscaldarlo in un padellino, in modo che sprigioni tutti i suoi aromi.



Il Cacio e Pepe di Arcangelo


Altro piatto davvero gustoso lo propone Bianca Celano del ristorante Qqucina di Catania, si tratta di un baccalà confit con polvere di capperi di Salina, croccante di olive e datterini canditi.

Bianca è una attenta ricercatrice della materia prima, per lei utilizzare un ottima materia prima è già la metà della creazione di un buon piatto. La ricerca delle eccellenze, per la cuoca catanese, non si ferma ai confini siciliani, e il suo segreto è di manipolare il meno possibile l'ingrediente; il risultato deve essere delicato, dove si possono percepire tutti i sapori.


Bianca Celano


Altro elemento fondamentale nella cucina di Bianca sono le erbe spontanee della sua Sicilia, protagoniste in molte sue ricette. Cuoca autodidatta, La Celano ha messo a frutto tutta la sua esperienza di attenta madre di famiglia, riportando sulle tavole del suo ristorante quella qualità che per anni ha offerto alle sue figlie. Da sempre attenta selezionatrice dei prodotti genuini, dai grani antichi al pescato, dalla bottarga alle erbe. Il ristorante di Bianca è a conduzione familiare, lei in cucina e suo marito in sala, ma la collaborazione con Corrado Assenza impreziosisce non solo il reparto dolci della sua cucina. La molla che muove la passione di Bianca è la curiosità, conoscere il prodotto, chi lo crea e come trasformarlo, una passione che l'ha costretta a superare i confini della cucina di casa e porla in quattro anni nella lista dei migliori cuochi della città etnea.


Il baccalà di Bianca Celano

In una kermesse romana di Vinòforum non poteva mancare uno dei prodotti più preziosi che il mare ci offre: le ostriche. Il profumo di questi frutti di mare è meraviglioso! Corrado Tenace è tra i migliori conoscitore di questo delizioso frutto di mare, oggi tra i più completi distributori di questo prodotto, diffonde questa cultura quotidianamente affabulando clienti e appassionati. Per lui le ostriche son quasi una religione, quando ne parla gli brillano gli occhi, come un ragazzino appena innamorato della sua prima ragazza, con la sua Oyster Oasis offre la più grande gamma di ostriche in commercio.. Per Corrado le ostriche sono l'espressione del mare da cui provengono. Oggi anche in Italia l'ostricoltura sta raggiungendo buoni livelli, ancora un po' distanti dalla grande tradizione del nord Europa, prime fra tutte Normandia e Irlanda, ma a SanTeodoro in Sardegna e poi la Perla del Delta della laguna di Scardovari stanno davvero conquistando fasce di mercato. grazie alle loro caratteristiche organolettiche molto simili a quelle della produzione più prestigiosa dell'Atlantico.

Insomma un percorso tra le bontà che testimonia la valenza della manifestazione cioè un vero spazio del gusto.


Corrado Tenace e la moglie

Le ostriche di Corrado Tenace...

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Questo è un paragrafo. Fai clic qui per modificarlo e aggiungere il tuo testo.

© 2016 by Claudio Lavacca