#iocucinoacasa: lo chef Marc Lanteri propone la ricetta dei 'frisceu'

Lo chef Marc Lanteri, titolare dell'omonimo ristorante di Grinzane Cavour, propone ricette semplici e sfiziose da fare in casa per evitare gli sprechi e lancia la sfida al mondo della gastronomia. “Non potendo permetterci più di uscire quando vogliamo per fare la spesa a prendere ciò che manca dobbiamo stimolare la nostra creatività e allo stesso tempo in momenti di paura come questi in cui si fa una spesa magari poco ragionata il rischio di spreco rimane alto e dobbiamo assolutamente evitarlo”.

Con queste parole lo chef Marc Lanteri racconta l’idea che è venuta a lui e a tutta la sua famiglia per cucinare bene divertendosi al tempo del coronavirus.

“Ho scelto la ricetta dei frisceu per creare un piatto sfizioso per la mia famiglia, per tirare su un po’ il morale dei nostri figli che iniziano la 4 settimana di scuola a casa. Il profumo dei frisceu è squisito e in poco tempo la nostra cena di minestra di verdure è diventata subito più interessante”. Un pensiero tutto casalingo che poi però è diventata l’idea di un gioco più ampio in cui coinvolgere amici e colleghi per una gara ideale alla ricetta più sfiziosa e divertente da fare in casa alla portata di tutti ma suggerita da uno chef professionista.


Ingredienti per 4 persone per i frisceu:


175g farina "0" 5g lievito di birra fresco tuorlo d'uovo 120g acqua pizzico di sale olio di seme per friggere

verdure, ortaggi acciughe

salse varie a disposizione


Preparazione per i frisceu:


Sciogliere il lievito di birra nell’acqua tiepida, unire il tuorlo e incorporare la farina e il sale. Mescolare con una frusta fino ad ottenere una pastella liscia. Coprire con un canovaccio e lasciare lievitare per circa un ora.

Selezionare gli ingredienti a disposizione per aromatizzare la pastella. Ci siamo limitati solo a ciò che abbiamo trovato nel frigorifero o nella dispensa. Non snobbare gli avanzi e gli alimenti più comuni come patate e rosmarino per esempio!

Ho utilizzato 8 gamberi surgelati fatti a cubetti, insalata tagliata julienne, mezza zucchina e un finocchio affettato finemente, paprica affumicata, maggiorana essicata, sale e pepe. Consiglio olive, acciughe, pomodorini secchi sott’olio, aglio, salvia, rosmarino, etc.

Scaldare l'olio a 165°. Unire gli ingredienti con la pasta senza lavorarla troppo. Versare nell’olio bollente piccole porzioni d'impasto aiutandosi con due cucchiai. Scolare i frisceu non appena sono dorati, salarli e servirli caldi.

Servire con le salse a disposizione come maionese, ketchup, pesto, tapenade di olive. Potete anche personalizzare le salse come ho fatto io utilizzando un cucchiaio di maionese unito con lo senape Dijon e paprica affumicata.


Marc Lanteri

La prima sfida Marc Lanteri l’ha lanciata a 5 suoi amici lo chef Andrea Sarri, Anthony Genovese, Fournier Bernard, Giovanni Ciresa e Paolo Tevarini con l’hashtag #chefcreativitychallenge #iocucinoacasa #cucinaquarantine #comfortfood cercando così di coinvolgere più chef possibili in questo gioco aperto a tutti e a disposizione di tutti. In particolare della gente che sta a casa e che attraverso i social può mettersi all’opera e sentirsi chef per un giorno o magari di più visto che la sfida è aperta a tutti coloro che vorranno partecipare basta taggare lo chef Marc Lanteri e si è in gara. Per combattere questa battaglia ognuno con le sue armi utilizzando il potente mezzo de social che in momenti simili ci unisce enormemente. La modalità è semplice: fate un post con la foto della ricetta finita e mettendo sotto gli ingredienti e il procedimento e se volete potete mettere nelle storie le foto delle varie fasi con indicazioni più dettagliate per la realizzazione, taggate lo chef Marc Lanteri (@chef_marclanteri) con l’hashtag #chefcreativitychallenge e il gioco è fatto. Perché insieme #andràtuttobene

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

Questo è un paragrafo. Fai clic qui per modificarlo e aggiungere il tuo testo.

© 2016 by Claudio Lavacca