Ribollita


Come per quasi tutte le ricette della tradizione italiana non esiste una sola vera ricetta, ogni famiglia, ogni territorio ha la propria. Salvo il fatto che questo piatto è di stretta origine toscana, non vi è alcuna certezza sulla unicità degli ingredienti. Alcuni aggiungono agli ingredienti dei pomodorini, altri ribadiscono che essendo un piatto invernale i pomodori non vanno aggiunti. Comunque sia due elementi sono indispensabili per una ribollita originale: il cavolo nero e i fagioli bianchi autoctoni, una volta erano zolfini, oggi essendo una rarità si sostituiscono con i più diffusi cannellini.


Ingredienti per quattro per la Ribollita:

1 cavolo nero

2 patate

2 carote

1 cipolla

1 costa di sedano più le foglie

2 spicchi di aglio

400 grammi di fagioli cannellini

Olio extra vergine di oliva

Pane toscano raffermo


Preparazione per la Ribollita:


Pulire le verdure e sminuzzarle, farle bollire come per ottenere un minestrone, ma l'acqua non deve essere abbondante. Un segreto per ottenere un sapore più intenso è quello di aggiungere l'acqua solo dopo aver fatto appassire gli ortaggi in un cucchiaio di olio. Prima che la cottura sia ultimata aggiungere il pane raffermo sbriciolato, far riposare per almeno trenta minuti, in modo che il panne si ammolli totalmente. In una padella far rosolare l'aglio in cinque o sei cucchiai di olio, eliminare l'aglio e aggiungere le verdure, ove fossero ancora troppo brodose scolarle. Far cuocere sino ad ottenere un composto quasi solido. Servire irrorando ciascuna porzione con olio a crudo. Paolo Tizzanini, geniale patron dell'Osteria dell'Acquolina a Terranuova Bracciolini, al quale dobbiamo l'ispirazione della ricetta, aggiunge come tocco finale anche la cipolla cruda che si può usare come cucchiaio!


.

Post in evidenza
Post recenti