• Marco Rossetti

Mezze maniche con gamberi e rana pescatrice



di Marco Rossetti


La rana pescatrice è un pesce largamente consumato in cucina, senza dubbio uno degli anomali marini più brutti, ma le sue carni sono tenere e saporite: Si cucina prevalentemente al forno ma anche in padella si presenta gradevole e succosa. E' conosciuta anche come coda di rospo, ma è curioso che nelle varie regioni italiane sia denominata in modo diverso come ad esempio: pescatrice nera in Campania o diavolo del mar in Veneto. Sempre sottolineando il suo aspetto poco gradevole. Si presenta in una forma piatta con testa molto grande, le sue carni si sviluppano attorno ad una spina centrale molto massiccia, vive prevalentemente nei fondali sabbiosi o meglio fangosi, adagiata sul fondo aspettando le sue prede, la sua bocca è posta nella parte superiore della testa, proprio per favorire la cattura della preda. Le sue carni sono sode ma dal sapore delicato, alcune volta poco più intenso solo perché proveniente da mari che le offrono una alimentazione diversa. E' protagonista di diverse ricette tipiche di molte regioni, immancabile nella zuppa di pesce.


Ingredienti delle mezze maniche con rana pescatrice per 4


360 gr. di mezze maniche

600 gr. di rana pescatrice pulita

400 gr. di gamberi sgusciati

300 gr, di pomodorini

1 manciata di capperi dissalati

1 spicchio di aglio

6 cucchiai di olio evo

1 ciuffo di prezzemolo

1 presa di sale


Realizzazione delle mezze maniche con rana pescatrice per 4


In un tegame scaldare l'olio e far soffriggere l'aglio, appena questo sarà brunito eliminarlo. Aggiungere nel tegame la rana pescatrice, che avrete fatto pulire dal pescivendolo e che voi avrete ridotto a cubetti più o meno regolari, Appena il pesce prende colore aggiungere i pomodori tagliati a metà e i capperi dissalati. Salare leggermente la salsa, fra cuocere per altri tre minuti e chiudere il fuoco. Cuocere le mezze manche in acqua salata, accendere nuovamente il fuoco sotto il tegame della salsa, aggiungere i gamberi sgusciati e privati dell'intestino, i gamberi vanno cotti un paio di minuti; scolare la pasta al dente e versarla nel sugo, fino a termine della cottura. Se necessario aggiungere all'intingolo un paio di cucchiai di acqua di cottura della pasta, Versare la pasta condita nel piatto di portata e guarnire con le foglie di prezzemolo.



Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square