Spici con asparagi selvatici


Spici è il nome che ho attribuito a questa pasta, il motivo è semplice: con l'impasto acqua e farina con cui generalmente si preparano i pici ho realizzato una sorta di tagliatelle senza lavorare l'impasto stendendolo con le dita, ottenendo lo spaghettone irregolare che è il picio.

Con l'avvicinarsi della primavera i boschi e i bordi delle stradine di collina offrono le prime erbe spontanee di stagione; tra queste sicuramente la più pregiata è l'asparago selvatico. In centro Italia questa verdura è abbinata alla pasta acqua e farina; una ricetta antica di sicura origine contadina, dove l'asparago selvatico assume una valenza unica, il suo gusto intenso tendente all'amaro risalta in modo particolare, questo piatto è il miglior modo di degustarlo. Oggi l'asparago selvatico è merce preziosa, così che sui banchi del mercato è piuttosto caro, quindo sarebbe meglio approfittare di una passeggiata in campagna e raccoglierne una buona quantità.



Ingredienti per quattro per gli "Spici" con asparagi selvatici:

700 gr. di asparagi selvatici

330 gr. di farina

1 bicchiere di acqua tiepida

8 cucchiai di olio evo

1 spicchio di aglio

1/2 peperoncino

sale




Preparazione per gli "Spici" con asparagi selvatici:


Impastare 300 gr. di farina con l'acqua, due cucchiai di olio e un pizzico di sale, fino ad ottenere un composto compatto, dandogli la forma di una palla lasciatelo riposare per trenta minuti.

Lavare gli asparagi e privarli della parte più dura del gambo; non gettare questi resti saranno ottimi per realizzare una crema di asparagi da utilizzare in altra occasione. Dividere gli asparagi in sezione di circa cinque centimetri, tenendo separate le cime dal resto.

Stendete l'impasto con il mattarello, ottenendo due dischi di pasta, avvolgerli su se stessi e tagliare delle strisce di circa un centimetro di larghezza, sciogliere le matasse e stendere le fettuccine su un tagliere e spolverare di farina, lasciar seccare la pasta per circa trenta minuti.

In una padella versare l'olio rimasto e far soffriggere aglio e peperoncino, non appena l'aglio sarà dorato aggiungere gli asparagi tagliati, ma non le cime, che andranno aggiunte sei o sette minuti dopo, lasciare cuocere a fuoco basso coprendo la pentola, dopo dieci minuti togliere il coperchi e alzare il fuoco, proseguire la cottura per un minuto.

Cuocere la pasta in acqua salata e bollente, non appena questa viene a galla scolarla e versarla nella padella degli asparagi, a fuco spento, far insaporire e servire.


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square